Home page

/
26Dic2016

ULTIMA GIORNATA DEL 2016: IL RESOCONTO. A cura di Luca Sassone

  • By Staff
  • 1 Tag
  • 0 Comments

Fulcro dell’attenzione degli ultimi impegni calcistici, nonostante la concomitanza con gli altri campionati, è stata indubbiamente la finale di Supercoppa italiana tra Juventus e Milan, disputatasi a Doha in una cornice di pubblico del tutto peculiare. Dopo la conclusione dei tempi regolamentari e supplementari sul risultato di 1-1, i rossoneri hanno avuto la meglio nella battaglia dagli undici metri, con il rigore decisivo messo a referto da Pasalic. Per i bianconeri, dal dischetto, gli errori sono di Mandzukic e Dybala. A Milano così, sponda rossonera, torna un trofeo dopo ben 5 anni e mezzo di digiuno.

Rientrando nei confini nazionali, la sfida più entusiasmante si è giocata al Franchi di Firenze, dove la Fiorentina ha costretto il Napoli ad un rocambolesco 3-3, riacciuffato in extremis dai partenopei grazie al rigore trasformato da Gabbiadini. Il piccolo stop di entrambe le squadre ha permesso alla concorrenza di approfittarne: la Roma, infatti, si è imposta senza particolari patemi per 3-1 sul Chievo, in casa, grazie soprattutto all’ottimo rendimento del reparto offensivo; l’Inter, pur rischiando in un paio di occasioni nei primi minuti di gioco, ha offerto una prestazione importante e confortante, battendo con un secco 3-0 la Lazio, diretta concorrente per l’Europa: i nerazzurri si rilanciano in classifica e appaiono più solidi ed equilibrati.

Nelle zone medio alte di classifica, si registra la preziosa vittoria di misura del Torino sul Genoa grazie ad una rete del solito Belotti, in costante maturazione tattica e realizzativa. Vince anche l’Atalanta, messa alle corde da un generoso Empoli che però non riesce a sopportare la pressione avversaria: 2-1 a Bergamo il risultato finale. Pareggio deludente a reti inviolate tra Sampdoria ed Udinese, partita sulla carta piuttosto interessante. Molto più vivaci, invece, i due scontri salvezza tra Cagliari e Sassuolo e Palermo e Pescara. Nel primo caso, infatti, un sonoro 4-3 in favore dei sardi mette sempre più in difficoltà i neroverdi, che si sono portati addirittura sull’1-3, salvo poi trovarsi in inferiorità numerica e capitolare nel finale. Il Palermo è stato beffato nei minuti di recupero: in vantaggio per tutto l’arco del match, vede sfumare tre importanti punti grazie al pareggio di Biraghi su rigore al minuto 93.

 

Nel gruppo C di Lega Pro, continua la cavalcata impressionante del Matera: i lucani sono in testa alla classifica in solitaria. Il Foggia di Stroppa non riesce ad andare oltre il pareggio nel derby contro la Fidelis Andria, conclusosi sul risultato di 1-1. Le difficoltà dei rossoneri sono dipese anche dall’inferiorità numerica causata dall’espulsione di Empereur; Foggia quarto a quattro lunghezze dai lucani.

Altra brutta sconfitta nel girone A per il Pro Piacenza contro la capolista Alessandria, che sta imponendo un ritmo impressionante al campionato; 3-1 il risultato finale. Per la squadra di Pea, la lotta salvezza è quanto mai accesa. La Reggiana, nel girone B, non riesce a sfruttare la grande occasione di spingersi in testa alla classifica viste le sconfitte di chi precede. Un solo punto nella gara casalinga contro il Bassano, ma la consapevolezza di potersela giocare fino in fondo. Ancora panchina per il giovane Narduzzo.

CATEGORIES Uncategorized

COMMENTS